Intelletto d'amore PDF

Leggi il libro di Intelletto d'amore direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Intelletto d'amore in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su vitalitart.it.

AUTORE: Giorgio Agamben,Jean-Baptiste Brenet

DIMENSIONE: 10,47 MB

ISBN: 9788822903860

DATA: 2020

Vitalitart.it Intelletto d'amore Image

DESCRIZIONE

Intelletto d'amore - Giorgio Agamben - Jean-Baptiste ...

Donne ch'avete intelletto d'amore, i' vo' con voi de la mia donna dire, non perch'io creda sua laude finire, ma ragionar per isfogar la mente. 5 Io dico che pensando il suo valore, Amor sì dolce mi si fa sentire, che s'io allora non perdessi ardire, farei parlando innamorar la gente. E io non vo' parlar sì altamente,
Ciascuno dei due testi che, attraverso un fitto intreccio di rimandi e implicazioni, disegnano la trama del libro, è una meditazione sul fantasma come luogo e soggetto dell’amore. E lo fanno mettendo a confronto in una prospettiva inedita due eccezionali personaggi: Guido Cavalcanti, il «primo amico» di Dante e maestro ineguagliato della fenomenologia amorosa, e Ibn Rushd, l’Averroè dei Latini, il filosofo arabo che ha più profondamente segnato il pensiero occidentale dal XIII al XV secolo. E se, per entrambi, la congiunzione con l’intelletto unico nomina la felicità suprema, è la funzione del fantasma che si rivela ogni volta decisiva. In che modo i pensieri ci appartengono, come può un’idea diventare «mia»? È il fantasma – rispondono il poeta e il filosofo – che, mediante il desiderio, rende il pensiero proprio a un soggetto. Ma, per Cavalcanti, il fantasma deve perire perché la congiunzione amorosa abbia luogo e l’individuo sopravvive solo come un automa «fatto di rame o di pietra o di legno»; per il filosofo, invece, è la specie umana nel suo insieme il soggetto – anche politico – della felicità suprema.
SCARICARE LEGGI ONLINE

Altri Editori: Il segreto dell'infanzia, di Maria Montessori

Analisi: Donne ch'avete intelletto d'amore, Dante di Dante Alighieri Analisi del testo: E' una poesia di Dante in cui loda Beatrice e spiega alle donne che conoscono l'amore (e quindi le uniche che possono capirlo) quanto siano grandi le facoltà benefiche di Beatrice.