Filosofia della vulnerabilità. Percezione, discriminazione, diritto PDF

Filosofia della vulnerabilità. Percezione, discriminazione, diritto PDF. Filosofia della vulnerabilità. Percezione, discriminazione, diritto ePUB. Filosofia della vulnerabilità. Percezione, discriminazione, diritto MOBI. Il libro è stato scritto il 2019. Cerca un libro di Filosofia della vulnerabilità. Percezione, discriminazione, diritto su vitalitart.it.

AUTORE: Gianfrancesco Zanetti

DIMENSIONE: 6,88 MB

ISBN: 9788843094080

DATA: 2019

Vitalitart.it Filosofia della vulnerabilità. Percezione, discriminazione, diritto Image

DESCRIZIONE

PDF EDEN Etica, Diritto, Economia Normativa Seminario ...

In breve. Il volume mette a fuoco alcuni aspetti dell'intersezione fra la nozione di vulnerabilità e quella di percezione sensoriale. Quest'ultima non è mai neutrale, e in essa può fiorire sia la motivazione a discriminare le figure vulnerabili sia l'argomentazione che a tale discriminazione si oppone sul piano normativo.
Il volume mette a fuoco alcuni aspetti dell'intersezione fra la nozione di vulnerabilità e quella di percezione sensoriale. Quest'ultima non è mai neutrale, e in essa può fiorire sia la motivazione a discriminare le figure vulnerabili sia l'argomentazione che a tale discriminazione si oppone sul piano normativo. Lontano da ogni intento di rigida categorizzazione, il libro propone un possibile percorso argomentativo che collega ciascun senso a una figura della vulnerabilità: la "razza" è così associata a simbolismi visivi del colore e dell'occhio, e lo "straniero morale" è la figura che sfida le nostre capacità di ascolto. Attraverso la metafora dei cinque sensi, si giunge così a scandagliare alcune dinamiche culturali e giuridiche che orientano il rapporto tra percezione e discriminazione, e che si annidano in varie articolazioni sociali e istituzionali.
SCARICARE LEGGI

Etica & Politica - Ethics & Politics - units.it

Il volume mette a fuoco alcuni aspetti dell'intersezione fra la nozione di vulnerabilità e quella di percezione sensoriale. Quest'ultima non è mai neutrale, e in essa può fiorire sia la motivazione a discriminare le figure vulnerabili sia l'argomentazione che a tale discriminazione si oppone sul piano normativo.