Il restauro dell'adorazione dei Magi di Leonardo. La riscoperta di un capolavoro. Ediz. a colori PDF

Leggi il libro di Il restauro dell'adorazione dei Magi di Leonardo. La riscoperta di un capolavoro. Ediz. a colori direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Il restauro dell'adorazione dei Magi di Leonardo. La riscoperta di un capolavoro. Ediz. a colori in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su vitalitart.it.

AUTORE: Richiesta inoltrata al Negozio

DIMENSIONE: 7,65 MB

ISBN: 9788879708395

DATA: 2017

Vitalitart.it Il restauro dell'adorazione dei Magi di Leonardo. La riscoperta di un capolavoro. Ediz. a colori Image

DESCRIZIONE

Adorazione dei Magi (Leonardo) - Wikipedia

Il 3D per la diagnostica dell'Adorazione di Leonardo. Il Visual Computing Lab dell'ISTI-CNR ha realizzato, in collaborazione con l'Opificio delle Pietre Dure, un modello 3D ad alta risoluzione dell'Adorazione dei Magi di Leonardo da Vinci di supporto alla diagnostica e al monitoraggio del suo stato di conservazione nell'ambito di un intervento di restauro durato cinque anni (2012-2017).
Il dipinto su tavola di Leonardo raffigurante l'Adorazione dei Magi è stato trasferito nel novembre 2011 ed è stato restaurato nel Laboratorio di restauro dell'Opificio delle Pietre Dure presso la Fortezza da Basso. Il risultato ottenuto da questo importante restauro ha fatto emergere elementi utili a effettuare una più approfondita lettura dei valori espressivi dell'opera e ha fatto riemergere la potenza dei volumi e delle espressioni dei personaggi rappresentati. La pulitura ha consentito anche di penetrare sempre più nel modo di lavorare di Leonardo, confermando l'interpretazione iniziale circa le varie fasi e materiali, e arricchendola di nuovi elementi, esempi e interessanti problemi interpretativi.
SCARICARE LEGGI

Libri della collana Problemi Di Conservazione E Restauro ...

Leonardo Da Vinci Pittura Restauro, ... La riscoperta di un capolavoro. Ediz. a colori ... Il dipinto su tavola di Leonardo raffigurante l'Adorazione dei Magi è stato trasferito nel novembre 2011 ed è stato restaurato nel Laboratorio di restauro dell'Opificio delle Pietre Dure presso la Fortezza da Basso.