Roma capitale malamata PDF

Leggi il libro di Roma capitale malamata direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Roma capitale malamata in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su vitalitart.it.

AUTORE: Vittorio Emiliani

DIMENSIONE: 3,17 MB

ISBN: 9788815279095

DATA: 2018

Vitalitart.it Roma capitale malamata Image

DESCRIZIONE

Roma capitale malamata: la presentazione a Pesaro del ...

Libreria in Roma. Caro lettore, in questi giorni di riapertura mi hai fatto notare che è un peccato non poter spendere del tempo in libreria come facevi prima.
«Amata e odiata, adorata e insultata, esaltata quale modello eterno e accusata di essere la fonte del disfacimento morale dell’intero paese. Poco conosciuta e quindi incompresa, sepolta sotto una spessa coltre di luoghi comuni. A malapena sopportata» Non c’è altra città «capitale» quanto Roma: enorme centro di potere nell’antichità e poi con la Chiesa universale. Eppure è con una maggioranza mediocre che il Parlamento dell’Italia unita il 23 dicembre 1870 vota il trasferimento della capitale da Firenze, secondo una volontà che era stata di Cavour, oltre che di Garibaldi e Mazzini. Capitale «inevitabile», ma fra invidie taglienti. Una immagine sempre contrastata: matrona e ladrona, civilizzatrice e corruttrice. Scelte urbanistiche errate e speculazioni voraci, anche vaticane, ne intasano il centro, segregano l’immigrazione tumultuosa. Capitale incompresa dagli intellettuali, difesa dal solo Gabriele D’Annunzio, più tardi da Antonio Cederna. «Un suk» per Goffredo Parise, «la morte» per Mario Soldati. Questa è la cronaca viva e sofferta di due secoli in cui Roma è cresciuta di 15 volte. Ingovernabile senza strumenti speciali.
SCARICARE LEGGI ONLINE

Roma capitale malamata - Emiliani, Vittorio - Ebook - EPUB ...

Non c'è altra città «capitale» quanto Roma: enorme centro di potere nell'antichità e poi con la Chiesa universale. Eppure è con una maggioranza mediocre che il Parlamento dell'Italia unita il 23 dicembre 1870 vota il trasferimento della capitale da Firenze, secondo una volontà che era stata di Cavour, oltre che di Garibaldi e Mazzini.